Kat Frankie: Corpi

Kat Frankie ha recentemente annunciato la continuazione del suo tour di successo BODIES per l'autunno 2023 e la primavera 2024. Il concerto alla Elbphilharmonie di Amburgo ha registrato il tutto esaurito in pochissimo tempo. A causa dell'elevata richiesta e delle forti vendite anticipate del tour, verranno aggiunti altri spettacoli nel dicembre 2023 e nella primavera 2024. Nel 2018, Kat Frankie ha suonato un set acustico solista all'Elbjazz Festival di Amburgo nella chiesa principale di St Katharinen, di fronte alla Speicherstadt. Il riverbero naturale dello spazio sacro ha reso la sua voce scura particolarmente efficace. La cantante, cantautrice e produttrice australiana con sede a Berlino ha quindi deciso di dedicare la seconda metà dello spettacolo a un esperimento a cappella. Insieme a cinque cantanti donne, ha eseguito sette canzoni, cinque delle quali arrangiate appositamente per questa performance. Frankie aveva già inserito le altre due come parti a cappella nei suoi spettacoli. In un'intervista a Deutschlandfunk ha spiegato il motivo di questa scelta: "Cantare è fisico. Quando cantiamo, il nostro corpo si muove, vibra, si armonizza con le altre persone. Ed è una sensazione molto bella". Il pubblico della città anseatica era certamente euforico. Frankie era sorpreso da questa reazione, ma anche convinto che ci fosse ancora molto da esplorare: L'EP "BODIES" è stato pubblicato nel 2019 e nel gennaio 2020 l'ensemble, ora composto da otto elementi, ha fatto il suo debutto completo alla RBB Sendesaal di Berlino, che ha registrato il tutto esaurito, seguito da quattro concerti altrettanto esauriti in luoghi come la Elbphilharmonie e la Konzerthaus di Dortmund. Altri due concerti da tutto esaurito alla Volksbühne di Berlino dovevano seguire nell'aprile 2020. Ma a causa di una corona, questi non hanno più avuto luogo. Da allora, la cantante ha trascorso molto tempo a produrre colonne sonore, a esercitarsi nella pittura e a registrare il suo quinto album "Shiny Things", pubblicato l'anno scorso. Ma non vedeva l'ora di riportare i BODIES sul palco: dopo tutto, è stata la pandemia a costringere Kat Frankie a mettere temporaneamente in pausa il suo progetto preferito e a dedicarsi alla sua creatività altrove. "Non ci sono strumenti, il che per qualche motivo è incredibilmente liberatorio. Quando ci sono otto persone sul palco - otto corpi, otto voci e nient'altro - le solite strutture e aspettative non sembrano valere", dice l'artista a proposito dell'esperienza live. "Sono un autore di canzoni e lo spettacolo ha il DNA delle mie canzoni. Ma ci sono anche canzoni che ho scritto sull'autonomia, sul lavoro e sulla colonizzazione. Grandi canzoni drammatiche e momenti molto belli, quasi teneri, armoniosi. Credo che non ci sia niente di simile", dice Kat Frankie. Piena di nuove idee e concetti, la musicista non vede l'ora di partire per un altro lungo tour con i BODIES nell'autunno 2023 e nella primavera 2024.

torna alla panoramica